La nuova legge sul Whistleblowing, la n° 179/2017 del 15/11/2017 a tutela del dipendente pubblico e privato, prevede che sia predisposto ” almeno un canale alternativo di segnalazione idoneo a garantire, con modalità informatiche, la riservatezza dell’identità del segnalante.”

L'ANAC, con la Determinazione n. 6 del 28 aprile 2015, ha emesso le “Linee guida in materia di tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti (whistleblower)” con la chiara indicazione che le segnalazioni, al fine di tutelare il segnalante, debbano essere trattate informaticamente con sistemi informatizzati e crittografici.

 Nel PNA (Piano Nazionale Anticorruzione), l'ANAC ha inoltre stabilito che "l’adozione delle iniziative necessarie deve essere prevista nell’ambito del Piano triennale di prevenzione della corruzione (PTPC) come intervento da realizzare con tempestività" e che “Le P.A. sono tenute ad adottare i necessari accorgimenti tecnici affinché trovi attuazione la tutela del dipendente che effettua segnalazioni e raccomanda la realizzazione di un sistema informatico di segnalazione al fine di indirizzare la segnalazione al destinatario competente assicurando la copertura dei dati identificativi del segnalante”.

L'ARCA Puglia Centrale, in linea con quanto stabilito, ha messo a disposizione dei propri dipendenti una piattaforma informatica che consenta al lavoratore di effettuare la segnalazione di illecito, qualora nello svolgimento delle proprie mansioni, si accorga di una frode, un rischio o una situazione di pericolo che possa arrecare danno all'Ente, nonché a clienti, colleghi, cittadini.

E' sufficiente cliccare qui: WHISTLEBLOWING